Home
Tu sei qui: Home » Ethos » ULTIMI » ultimi_archivio » Telefono a basso prezzo? Utilizza la sim di San Michele

Telefono a basso prezzo? Utilizza la sim di San Michele

Telefono a basso prezzo? Utilizza la sim di San Michele

sanmichele_simNel 2013 anche la Chiesa ha necessità di comunicare bene a proposito delle missioni umanitarie. Adesso lo fa anche con una scheda telefonica intitolata a San Michele.
Per la prima volta ha preso vita un progetto di telecomunicazioni sociali diretto a una specifica nicchia di utenti cattolici: una sim per il cellulare con tariffe competitive. Il progetto è semplice: il 50% del guadagno netto della società sulle spese telefoniche di chi deciderà di dotarsi della sim di San Michele andrà a finanziare i progetti promossi dalla Casa di Preghiera San Michele Onlus. Alcuni dei progetti riguardano il sostegno degli studenti universitari nella città di Yaoundè e Betoua in Camerun e l’assistenza di bambini le cui famiglie necessitano di beni di prima necessità.
Le sim sono attualmente disponibili solo per il mercato italiano. La tariffa è unica e di sei centesimi al minuto verso tutti senza canone e senza scatto alla risposta. Una tariffa, insomma, abbastanza competitiva che pare destinata a convincere molti fedeli. Le sim di San Michele si appoggeranno sulla rete mobile di Tre e utilizzeranno la piattaforma di comunicazione di Alpha Telecom, società con assetto anglo-italiano che fa capo al fondi investimenti Red di Orlando Taddeo.
«San Michele Communication è molto più che una scheda telefonica – si spiega sul sito della Samtel, dove si anticipa che le sim possono parlarsi anche tra loro a costo dimezzato – è un vero e proprio aiuto umanitario, il ricavato verrà devoluto alla onlus Casa di preghiera San Michele per le vocazioni in Africa. Inoltre, offre tariffe telefoniche chiare e molto economiche senza sorprese».
Padre Michele Vassallo, sacerdote cinquantenne, uno dei promotori dell’iniziativa, ha spiegato a Corriere.it le motivazioni che hanno spinto verso l’ambizioso progetto: «Stimolati dalle opportunità offerte dalla tecnologia, abbiamo deciso di fondare la San Michele Communication, un modo nuovo e moderno per raccogliere fondi a sostegno delle nostre attività umanitarie e religiose».
«Tutti ormai abbiamo un telefonino, e tutti dobbiamo chiamare, ma solo con la nostra scheda è possibile chiamare e fare del bene» – ha commentato il sacerdote. Forse non sarà possibile parlare direttamente con Dio, ma le premesse per fare del bene ci sono tutte!

Informazioni sull'Autore

Numero di voci : 733

Lascia un Commento

© 2012 iConfronti-inserto di Salernosera (Aut. n. 26 del 28/11/2011). Direttore: Andrea Manzi. Contatti: info@iconfronti.it

Scroll in alto