Mer. Set 18th, 2019

I Confronti

Inserto di SalernoSera

Tornano i derby (che rischio) ma non la vecchia e unica serie C

2 min read
Tira aria di derby in Lega Pro. Mentre si discute dell'eventualità di inserire in un solo girone tutte le squadre campane che disputeranno il torneo di Prima Divisione, la Coppa Italia professionisti, denominata Coppa TIM, come in una sorta di intrigante anteprima, regala il primo derby, una sfida storica, dal sapore antico e da rivalità mai sopite: Nocerina-Paganese. Sarà una gara che travalicherà i semplici confini sportivi per interessare il sociale e con non poche questioni di ordine pubblico. Il derby dell'Agro fa notizia perché mette di fronte due squadre e due cittadine, divise da una striscia di terreno, Santa Chiara, e con una rivalità che supera ogni confine sportivo, diventando uno status mentale.
di Barbara Ruggiero

Tira aria di derby in Lega Pro. Mentre si discute dell’eventualità di inserire in un solo girone tutte le squadre campane che disputeranno il torneo di Prima Divisione, la Coppa Italia professionisti, denominata Coppa TIM, come in una sorta di intrigante anteprima, regala il primo derby, una sfida storica, dal sapore antico e da rivalità mai sopite: Nocerina-Paganese.
Sarà una gara che travalicherà i semplici confini sportivi per interessare il sociale e con non poche questioni di ordine pubblico. Il derby dell’Agro fa notizia perché mette di fronte due squadre e due cittadine, divise da una striscia di terreno, Santa Chiara, e con una rivalità che supera ogni confine sportivo, diventando uno status mentale.
Un derby che mancava dagli anni Novanta e che comincia a stimolare la fantasia dei tifosi dei due centri dell’agro; l’appuntamento è già fissato per il 5 agosto al “San Francesco” di Nocera Inferiore, sempre che non siano adottate misure di ordine pubblico.
Il derby dell’Agro costituisce una prova generale per l’eventualità, già paventata dai più, di costituzione di un girone unico per tutte le squadre campane che quest’anno affronteranno il torneo di Prima Divisione. Avellino, Benevento, Nocerina, Paganese e Sorrento – tanto per citare solo le compagini della Prima Divisione – potrebbero ritrovarsi faccia a faccia in un solo girone nella prossima stagione calcistica. Il direttivo della Lega Pro sembra orientato a una divisione orizzontale dei gironi: stop a trasferte chilometriche e particolarmente costose e via agli storici derby che infiammano le tifoserie.
Appare definitivamente tramontata per quest’anno l’idea di ritornare alla vecchia e unica serie C. Il discorso dell’unificazione di Prima e Seconda Divisione potrà cominciare a diventare realtà a partire dal campionato 2013/2014.
Il rischio, con la crisi che ha investito anche il mondo del calcio, è quello di dover attendere le domande di ripescaggio per sopperire alle mancate iscrizioni di squadre in grande crisi finanziaria.
Per intanto la composizione dei gironi verrà ufficializzata a fine mese.
Ma i derby – è opinione comune – sono oramai dietro la porta.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *