Tragedia edilizia, partita da Salerno la sfida per la ripresa

Tragedia edilizia, partita da Salerno la sfida per la ripresa
ciancio_lombardi
Ciancio e Lombardi

«L’incontro di oggi è solo un punto di partenza». Luigi Ciancio, segretario Feneal Uil, descrive così la manifestazione che si è svolta questa mattina presso l’Hotel Mediterranea di Salerno. I rappresentanti della filiera, lavoratori-artigiani e costruttori, si sono riuniti a Salerno per il congresso dal titolo “L’edilizia scende in piazza”. Nell’occasione l’Ance Salerno e i sindacati di categoria Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil hanno presentato una serie di richieste per le istituzioni, a cui è stato chiesto un tavolo di concertazione per risollevare le sorti del comparto dell’edilizia.
Quattordici pullman provenienti da tutta la regione e più di settecento persone hanno affollato la sala dell’Hotel Mediterranea mentre 52 tra camion, betoniere e mezzi meccanici si sono fermati all’esterno, a dimostrazione della necessità di una svolta nel settore.
30 mila posti di lavoro persi, 10mila aziende fallite in Campania: sono questi i numeri che attestano la crisi del settore trainante dell’economia regionale.
Alla manifestazione hanno aderito anche tutte le altre associazioni di categoria, gli artigiani e gli ordini professionali. Unico grande assente: la politica, fatta eccezione per pochi amministratori locali.
«Erano stati invitati tutti i sindaci della provincia, il sindaco di Salerno Enzo De Luca, il presidente della Provincia Antonio Iannone e il Presidente della Regione Campania Stefano Caldoro» – precisa la nota a fine giornata. Ma Luigi Ciancio non ne fa un dramma: «A partire da lunedì coinvolgeremo anche tutta la politica; oggi era importante riunire l’intero settore e possiamo dire, vista la partecipazione, di esserci riusciti».
«Sono 1.000 le imprese edili cessate, 6.000 il numero dei lavoratori persi solo nell’area di Salerno e quasi 1,8 milioni di ore di cassa integrazione autorizzate. 19 miliardi sono i crediti che l’edilizia vanta, a livello nazionale, nei confronti della Pubblica Amministrazione. Numeri spaventosi. Il dramma è che le nostre imprese non sono fallite per incapacità o per debiti, ma per credito, per i crediti che vantavano nei confronti della Pubblica Amministrazione» – ha sottolineato nel corso dell’incontro Antonio Lombardi, presidente dell’Ance Salerno.
«Ho sentito – ha detto Lombardi a proposito delle prossime elezioni politiche – che un leader politico nei giorni scorsi ha proposto di pagare le imprese creditrici dello Stato con titoli di Stato a 5 anni. Io propongo allora che anche il suo stipendio da parlamentare gli venga pagato a 5 anni con i titoli di stato».
Luigi Ciancio, segretario regionale della Feneal Uil, unitamente a Ferdinando De Blasio e Luigi Adinolfi, rispettivamente segretari cittadini della Filca Cisl e Fillea Cgil, nel corso dell’incontro ha insistito sulla necessità di sbloccare i fondi pubblici per il recupero dei centri storici e la manutenzione dei territori.
«È necessario – hanno detto nel corso dell’incontro – sbloccare 1,3 milioni di fondi Por 2000 – 2006 stanziati nel 2009 e mai spesi, destinati al patrimonio architettonico e all’adeguamento ambientale di edifici pubblici e privati. Si devono poi sbloccare due miliardi di euro attraverso lo sblocco del Piano Città e impegnare 204 milioni di euro per prevenire il dissesto idrogeologico. Ma – hanno aggiunto i tre rappresentanti sindacali – basterebbe che l’assessorato ai Trasporti della Regione Campania firmasse l’Accordo programma quadro per avviare in pochi mesi i primi 5 km della Salerno Avellino; così si avvierebbe la procedura amministrativa e sarebbero rendere spendibili, a breve, 123 milioni di euro e si darebbe lavoro a diverse centinaia di uomini e donne».

I precedenti servizi sull’argomento:
Tragedia edilizia, partita da Salerno la sfida per la ripresa
L’edilizia in piazza per costruire la nuova speranza del Sud

Barruggi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *