Training camp, una “scuola” per amministratori comunali

Training camp, una “scuola” per amministratori comunali

Lezioni di buon governo, gestione amministrativa e comunicazione con i cittadini. Una vera e propria scuola per i giovani amministratori denominata “Training Camp”.
L’idea è dell’Anci Campania in collaborazione con l’assessorato regionale ai rapporti con gli Enti Locali. L’obiettivo è contribuire a sviluppare, consolidare e diffondere delle conoscenze utili a governare la crescente complessità del sistema delle comunità locali.
Il progetto formativo si rivolge alla nuova leva di amministratori di comuni della Campania, preferibilmente entro i 35 anni di età, che abbiano intenzione di investire in un percorso di miglioramento delle proprie competenze. L’intenzione è quella di dare loro strumenti tecnici e concettuali appropriati per affrontare la missione amministrativa e per sviluppare una visione del futuro e delle scelte politiche di medio periodo.
Gli incontri, destinati agli amministratori del territorio, sono in tutto quattro e partiranno da fine settembre. Le lezioni non prevedono l’uso di cattedre e lavagne ma simulazioni, role playing, casi didattici; insomma, si tratta di modalità di insegnamento particolarmente innovative, come per esempio il cosiddetto “standing buffet”, durante il quale i corsisti avranno la possibilità di pranzare e di interagire in maniera didattica con i docenti.
L’iscrizione è gratuita e a numero chiuso: dopo aver inviato la domanda di partecipazione, in caso di sovrannumero, si procederà a prove di selezione. A parità di punteggio, al termine della selezione, verrà data priorità al candidato più giovane.
Le richieste di partecipazione ai corsi, che prevedono un numero massimo di 24 partecipanti, devono essere inoltrate alla sede napoletana di Anci Campania (via Morgantini 3, 80134 Napoli) entro e non oltre il 10 settembre.
“Anci Campania – ha spiegato il presidente Vincenzo Cuomo – intende offrire, soprattutto ai giovani amministratori, la possibilità di conoscere, studiare e approfondire tutte le nuove tecniche di gestione amministrativa del territorio e gli strumenti di comunicazione con i cittadini”.

Barruggi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *