Mer. Giu 19th, 2019

I Confronti

Inserto di SalernoSera

Traporti, Amendola (Pd): continua la guerra di Vetrella al sistema pubblico

2 min read

foto il Denaro

Registriamo in questa rubrica le voci e le attività dei nostri contatti senza alcuna mediazione, verificando soltanto la veridicità delle informazioni trasmesseci. Qualche nostro eventuale intervento avrà il solo scopo di garantire una maggiore chiarezza del messaggio.

[divide style=”3″]

foto il Denaro

“Ai fallimenti si aggiunge anche la beffa. Con la delibera esecutiva della giunta regionale scompare Unico Campania. L’integrazione tariffaria regionale era la base di un sistema di razionalizzazione dei costi e di risparmio per i cittadini. Un modello che non a caso esiste in tutta Europa. Con questa delibera si realizza l’ennesima tappa di una guerra dichiarata da Sergio Vetrella ai lavoratori delle aziende e ai cittadini a cui non è garantito il diritto alla mobilità” a dichiararlo è Enzo Amendola, segretario regionale del Pd Campania.
“Dopo gli aumenti tariffari e i fallimenti delle aziende pubbliche la giunta guidata da Stefano Caldoro costringerà le aziende ad ulteriori costi e a sicuri meno introiti. I cittadini campani perderanno un sistema che negli anni gli ha consentito enormi risparmi”, continua Amendola.
“In tre anni non è stato deciso niente sulla razionalizzazione degli enti pubblici e sulla riduzione degli sprechi. Oggi – spiega Amendola – con la scomparsa di Unico e il caos burocratico che si produrrà nei prossimi giorni su biglietti e abbonamenti si sferra l’ennesimo colpo al sistema pubblico campano senza nessun evidente beneficio per le casse della Regione”.
“Vetrella, come chiediamo da tempo, va rimosso dalla carica per la sua manifesta incapacità a gestire questo rilevante servizio ai cittadini. Con il gruppo regionale del Pd continueremo una dura battaglia contro le scelte scellerate del centrodestra campano, sordo a qualsiasi confronto sulle proposte per riorganizzare il trasporto pubblico locale”, conclude Amendola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *