Home
Tu sei qui: Home » Archivio » Tribunale degli sfratti: sotto accusa governi e ONU-Habitat

Tribunale degli sfratti: sotto accusa governi e ONU-Habitat

Tribunale degli sfratti: sotto accusa governi e ONU-Habitat
Registriamo in questa rubrica le voci e le attività dei nostri contatti senza alcuna mediazione, verificando soltanto la veridicità delle informazioni trasmesseci. Qualche nostro eventuale intervento avrà il solo scopo di garantire una maggiore chiarezza del messaggio.

Dopo il dialogo Salzano-Roussopulos sul diritto alla città dei beni comuni, il workshop su sfratti zero e l’incontro internazionale delle vittime dei mercati immobiliari, la prima giornata del Foro Sociale Urbano si è conclusa con il Tribunale sugli sfratti e l’accaparramento delle terre di fronte alla Fiera d’Oltremare.

“Stop agli sfratti in tutto il mondo”, con questa richiesta inequivocabile il Tribunale sugli sfratti del Foro Sociale Urbano ha chiesto a gran voce ai governi e a ONU-Habitat di non continuare a voltare le spalle a questo tema drammatico aggravato dalla crisi che colpisce l’Europa e il mondo intero. Sulle scalinate della Fiera d’Oltremare, 15 pannelli hanno documentato una crisi planetaria senza precedenti, che colpisce tra i 60 e i 70 milioni di persone in tutto il mondo
Sotto la lente del Tribunale Azerbayjan,Italia, Spagna, Turchia, Germania, Brasile, Honduras, Messico, Portogallo, Egitto, Mozambico, Burkina Faso, Giappone, hanno sottolineato il tremendo impatto provocato da megaprogetti e mega eventi, accaparramento di terre, affitti e mutui insostenibili. Temi scottanti che la Fiera-mercato di ONU-Habitat si è rifiutata di inserire nell’agenda ufficiale. D’altro canto, Raquel Rolnik, Relatrice Speciale delle Nazioni Unite, ha sottolineato che gli sfratti e gli sgomberi sono pesanti violazioni del diritto alla casa, cioè di un’obbligazione legale degli stati in quanto sottoscrittori del Patto Internazionale sui Diritti Economici, Sociali e Culturali. Diritto alla casa che sottolinea l’incompatibilità della crisi e delle ricette neoliberiste con i diritti umani. Tra gli interventi più scioccanti, l’accusa alle istituzioni italiane per le 250.000 famiglie sotto sfratto, in gran parte per morosità, e la richiesta abbattimento delle Vele di Scampia (Napoli), complesso residenziale degli anni ’70, considerato ghetto irrecuperabile dagli stessi inquilini.
Il Tribunale si è concluso con un appello alla mobilitazione durante le Giornate Mondiali Sfratti Zero – per il Diritto ad Abitare che si svolgeranno durante tutto il mese di ottobre.

Il FSU continua domani 5 settembre all’IPSAR (Piazza Bagnoli,1) con:
ABC Bagnoli, mostra sulla vicenda della trasformazione urbana di Bagnoli – tutto il giorno
Video: Arenili Insurgenti video rassegna delle lotte per il diritto al mare – tutto il giorno
Assemblea Europea dei Movimenti per l’abitare. Incontro sulle necessità e le opzioni per rafforzare la difesa del Diritto ad abitare e le iniziative a livello Europeo , 9.00 – 10.30
Dibattito: Quali spiagge per tutti? lo stato delle coste italiane tra inquinamento, sfruttamento del lavoro, demanio pubblico, regimi concessori e direttiva Bolkestein , 10.30 – 13.00
Acqua: diritto di tutti? , 14.00 – 17.00
Passeggiata sulla linea di costa di Bagnoli-Coroglio con partenza dalla Piazza Bagnoli , 17.00 – 20.00
Tavola Rotonda: Da Taranto alla Val di Susa, come difendere salute e ambiente conquistando e garantendo un lavoro sicuro per tutti , 18.00 – 20.00
Aperitivo e evento musicale, 20.00 – 00.00 Bancarotta, Bagnoli
Comitato Promotore FSU
Contatti: 320.2363156 / 333.3576348 – info@forumsocialeurbanonapoli.org

Informazioni sull'Autore

Numero di voci : 3627

Lascia un Commento

© 2012 iConfronti-inserto di Salernosera (Aut. n. 26 del 28/11/2011). Direttore: Andrea Manzi. Contatti: info@iconfronti.it

Scroll in alto