Home
Il blog de IConfronti utilizza cookie di servizio e di analisi. Continuando la navigazione accetti l’uso di tali cookie. Più informazioni.
Tu sei qui: Home » Editoriali&Opinioni » Un buon segnale dal Palazzo

Un buon segnale dal Palazzo

Un buon segnale dal Palazzo
di don Aniello Manganiello *
don Aniello Manganiello

don Aniello Manganiello

Il dialogo amministratori-comunità di base è possibile e talvolta riserva qualche lieta sorpresa. L’altra mattina, di buon’ora, alle 7,30, una delegazione dell’associazione per la legalità “Ultimi”, ha consegnato al sindaco Giovanni Romano, nella sua funzione di assessore regionale all’Ambiente, 7.000 firme raccolte nell’Agro Nolano come supporto a un documento contenente sette precise richieste, in riferimento alla grave situazione dei rifiuti “intombati” nel triangolo della morte Nola-Marigliano-Acerra.

La consegna è avvenuta presso il Comune di Mercato S. Severino, del quale Romano è sindaco, da parte dei componenti del presidio dell’Agro Nolano e di quello di Mercato S. Severino.

È stata una esperienza interessante, a dire dei giovani, che attraverso la richiesta di una firma sul documento delle 7 richieste formulate alle istituzioni per la soluzione del grave problema aveva dato modo di cogliere la rabbia della gente per la inspiegabile secretazione delle rivelazione del camorrista Carmine Schiavone e, quindi, per il conseguente grave ritardo nell’affrontare il drammatico problema. Quel ritardo ha determinato il diffuso inquinamento della falda acquifera in diversi territori, quando invece utilizzando con criterio i fondi e vigilando sul reale pericolo delle infiltrazioni camorristiche nella bonifica si sarebbero limitati certamente gli esiti dell’inquietante fenomeno. Invece, per anni, abbiamo assistito impotenti all’avvicendarsi di rabbia, delusione, disincanto o, peggio ancora, crisi di credibilità per istituzioni minate dalla corruzione e dalla inefficienza. Si è fatta strada la convinzione che in questo Paese il malaffare politico e le mafie continueranno a condizionare fortemente l’economia proprio per l’assenza di validi contrappesi etici. E i giovani hanno preso atto della forte mancanza di speranza tra la gente. Dunque, queste 7000 firme che i cittadini hanno deciso di mettere sul documento di “Ultimi” testimoniano, in un momento di sfiducia verso la politica e il potere in genere, della voglia di dialogare dei giovani e sono inoltre la spia della disponibilità a confrontarsi, a rinnovare la voglia di relazione con le istituzioni campane (e non) e infondono in tutti noi la fiducia che il senso civico, l’esercizio del diritto di cittadinanza siano possibili. Una fiducia emersa anche nell’entusiasmo e nella partecipazione degli studenti delle medie di Mercato S. Severino durante gli incontri sulla legalità, organizzati nei giorni scorsi dal presidio locale di “Ultimi”. Di tale stato d’animo, finalmente positivo, va dato merito all’assessore regionale Romano che ha dimostrato di avere una marcia in più e di riuscire a sintonizzarsi, con disponibilità umana e civica nonché con competenza, con le ansie e le attese della comunità, gettando un ponte, di questi tempi provvidenziale, tra il palazzo e la base sociale.

I giovani nolani sono stati perciò felici ed ora affronteranno con maggiore entusiasmo le prossime iniziative messe in cantiere proprio per sensibilizzare i cittadini e gli amministratori locali, come la giornata ecologica a Montevergine, in Irpinia, il 12 aprile, per ripulire il percorso sacro della Via Crucis e dare ai pellegrini il messaggio che la natura va custodita e difesa, perché costituisce il nostro futuro e la condizione della nostra sopravvivenza. Perciò, la grande cordialità, il garbo, la forte attenzione dell’assessore Romano nell’accoglierci e nell’apprezzare la nostra iniziativa costituirà per noi uno sprone a continuare sulla strada della denuncia coraggiosa contro gli assalti all’ambiente e alla libertà di tutti. Anche così si rimette in moto il cammino per ridurre la distanza tra cittadini e istituzioni.

* fondatore dell’Associazione Ultimi contro le mafie e per la legalità         

Informazioni sull'Autore

Numero di voci : 3631

Lascia un Commento

© 2012 iConfronti-inserto di Salernosera (Aut. n. 26 del 28/11/2011). Direttore: Andrea Manzi. Contatti: info@iconfronti.it

Scroll in alto