Home
Tu sei qui: Home » Archivio » Unioni civili, a Napoli, Portici e Bagnoli Irpino si può

Unioni civili, a Napoli, Portici e Bagnoli Irpino si può

Unioni civili, a Napoli, Portici e Bagnoli Irpino si può

Sono tre i Comuni della Campania che hanno istituito il Registro delle unioni civili, tutti nei primi mesi del 2012. L’apripista è stato il Comune di Napoli, il cui Consiglio comunale ha approvato a febbraio la proposta presentata dall’assessore alle Pari opportunità Pina Tommasielli, scrivendo quella che il sindaco Luigi de Magistris ha definito “una pagina storica”. In occasione dell’approvazione in Consiglio comunale dell’istituzione del Registro, i consiglieri di maggioranza hanno sfoggiato un triangolo rosa sulla giacca per gli uomini e nero per le donne. Al registro possono iscriversi le persone legate da vincoli affettivi e di reciproca solidarietà. A marzo è stata la volta di Portici, in provincia di Napoli, e di Bagnoli Irpino, in provincia di Avellino. Il Consiglio comunale di Portici, alla presenza del sindaco Vincenzo Cuomo, ha approvato l’istituzione del registro amministrativo delle unioni civili il 1° marzo 2012. “Un grande segno di civiltà per il territorio porticese”, è stato il commento dell’assessore alle politiche sociali del Comune di Portici, Alessandro Fatatis. E’ seguita di un solo giorno la deliberazione del Consiglio comunale di Bagnoli Irpino, paese di poco più di 3mila abitanti nell’Avellinese al confine con la provincia di Salerno: il Registro è stato definitivamente istituito da parte del sindaco Aniello Chieffo il 13 aprile.

Informazioni sull'Autore

Numero di voci : 1292

Lascia un Commento

© 2012 iConfronti-inserto di Salernosera (Aut. n. 26 del 28/11/2011). Direttore: Andrea Manzi. Contatti: info@iconfronti.it

Scroll in alto