Home
Il blog de IConfronti utilizza cookie di servizio e di analisi. Continuando la navigazione accetti l’uso di tali cookie. Più informazioni.
Tu sei qui: Home » Archivio » Vaccaro-Lorenzin: lui insiste, lei resiste ma è amore bipartisan

Vaccaro-Lorenzin: lui insiste, lei resiste ma è amore bipartisan

Vaccaro-Lorenzin: lui insiste, lei resiste ma è amore bipartisan

Chi pensa che l’argomento del giorno di questo afoso luglio sia il rapporto tra Monti e i sindacati, oppure la sesta discesa in campo di Berlusconi pronto a candidarsi alle prossime elezioni, si sbaglia. Comprensibile, è il caldo eccessivo. Chi se ne frega… Tutti concentrati a seguire la storia tra il parlamentare Pd Guglielmo Vaccaro e la deputata Pdl Beatrice Lorenzin (nella foto). Altro che “grande coalizione”, quello che interessa è se sboccerà o meno il grande amore tra i due parlamentari che militano su sponde politiche opposte. E chissà cosa penserebbe la Lorenzin se sapesse che Vaccaro si dice pronto a far vincere il suo centrosinistra e Bersani alle prossime politiche. Speriamo che questa nostra rivelazione non danneggi la “nascente” storia tra i due.
Sì perché per quanto la Lorenzin neghi e Vaccaro smentisca, fonti ben informate, e come potrebbero non esserlo, raccontano di averli visti insieme, in grande sintonia per usare un eufemismo, all’esclusivo Hotel San Pietro di Positano, dopo che la parlamentare Pdl era stata a Ravello, ospite dell’ex ministro Renato Brunetta. Altro che antipolitica, così scatta proprio l’invidia per il politico.
I due poi, dopo la trasferta in Costiera, sono stati visti molte volte insieme a Roma. E che male ci sarebbe? Lavorano insieme al Parlamento. Ma se lei nega e resiste, lui, da gentiluomo, non potrebbe fare diversamente, non potrebbe dire il contrario anche se i soliti “amici” ben informati dei due fanno sapere che lei starebbe per capitolare sotto i colpi amorosi dell’assedio di Guglielmo Vaccaro.
Quest’ultimo viene da “Comunione e liberazione” ed è stato già sposato con la figlia di un ricco imprenditore belga del settore dell’avvio allo studio e alla formazione. L’esponente campano del Pd ha due figli, non uno come erroneamente abbiamo scritto ieri. Il più grande si chiama Raffaele come il nonno, noto imprenditore di Scafati, titolare in passato di una nota agenzia di vigilanza privata. Beatrice Lorenzin, invece, è romana ed ha iniziato il suo avvicinamento alla politica aderendo al movimento giovanile di Forza Italia nel Lazio nel 1996. Capigliatura bionda e liscia, volto simpatico, look moderno e variopinto. Ma sentiamo cosa dice il diretto interessato.
Onorevole Vaccaro, glielo chiedo senza giri di parole, è vera la sua storia con la sua collega Bestrice Lorenzin?
No
E basta, non dice nulla di più.
Certo, lei mi ha fatto una domanda ed io le ho risposto
Va bene, ma potrebbe sbottonarsi un po’ di più. Se non è vero perché se ne parla sempre insistentemente?
Quando si fa politica ci sta che si parli di tutto anche della vita privata di un parlamentare.
Ecco che ritorna il sospetto che il gossip sia vero. Senta, ma almeno lei conosce l’onorevole del Pdl Lorenzin?
Certo, come conosco la mia compagna di banco.
E chi è, scusi la curiosità?
Si chiama Paola De Micheli (anche se dubitiamo che con la compagna di banco Vaccaro sia andato in vacanza a Positano, ndr)
Va bene. Test superato. Le faccio una domanda indiretta: non è vera la “grossa coalizione” tra lei e la Lorenzin, ma crede che dopo le prossime elezioni possiate andare tutti insieme voi del Pd e loro del Pdl? Vi trovereste insieme lei e la Lorenzin?
Guardi io non ho mai creduto all’ipotesi che il Pd ed il Pdl possano andare insieme dopo le elezioni del 2013, come non credo neanche che Berlusconi possa essere il leader del Pdl.
Dopo il gossip che la riguarda, il ritorno Berlusconi è l’argomento del giorno. Non vorrei crearle problemi con le sue amicizie tra il centrodestra, ma secondo lei chi vincerà le prossime elezioni?
Sono sicuro che si terranno ad aprile 2013 e ci sarà il centrosinistra contro il centrodestra. Le elezioni le vinceremo noi.
Allora, lei che sa tutto ci dica anche chi sarà il candidato premier del centrosinistra. Questo si che sarebbe uno scoop…
Penso Bersani, dipende da come andranno le primarie. Io, comunque, sosterrò Pierluigi Bersani. Ora mi scuso che torno in aula.
E’ in Parlamento a lavoro?

Va bene, la lascio. Anche se mi verrebbe da chiederle se è presente anche Beatrice Lorenzin.
Grazie, arrivederla.
(m.a.)

Informazioni sull'Autore

Numero di voci : 1306

Lascia un Commento

© 2012 iConfronti-inserto di Salernosera (Aut. n. 26 del 28/11/2011). Direttore: Andrea Manzi. Contatti: info@iconfronti.it

Scroll in alto