Lun. Ago 19th, 2019

I Confronti

Inserto di SalernoSera

Via dal “decretone” Sanità anche la tassa sulla gazzosa

2 min read
In Italia, non c’è affatto da meravigliarsi, molto spesso i decreti servono più per sondare l’opinione pubblica che per far presto.

[one_half]  [/one_half]

[one_half_last] In Italia, non c’è affatto da meravigliarsi, molto spesso i decreti servono più per sondare l’opinione pubblica che per far presto. Se le proteste superano il muro del suono, le norme vengono ritirate con buona pace per il rigore per il cui rispetto erano state previste e codificate. È ormai quasi certa, in base a questa collaudata logica, la cancellazione della tassa sulle bibite dal maxi decreto Sanità (nella foto il ministro Balduzzi), che dovrebbe arrivare mercoledì in Consiglio dei ministri. Nel testo reso noto nei giorni scorsi potrebbe sopravvivere la sola norma contro le ludopatie, che mette limiti alla proliferazione delle sale giochi. [/one_half_last]
Appare, invece, confermato lo stralcio della norma sulla non-autosufficienza, così come richiesto dalle Regioni.
Anche sul piano costituzionale vi sono state molte riserve formulate da alcuni ministri ma soprattutto dalle forze politiche, con riferimento alla copertura finanziaria carente per alcune misure. Sulle bibite, in particolare, molte le critiche del Centrodestra e dei vertici della Lega.
“Un’assurdità”, la tassa sulla gazzosa per il presidente dei senatori del Pdl Gasparri, che ha manifestato la più viva soddisfazione non appena si è diffusa la notizia che con ogni probabilità il provvedimento verrà cancellato dal “decretone”. “Reputo invece un errore – ha aggiunto – non introdurre le norme contro i giochi d’azzardo e su questo dovremo tornare con nostri emendamenti. Le brutali logiche di cassa fanno arretrare in modo goffo il governo. Le degenerazioni e le ludopatie vanno invece contrastate con norme che noi proporremo in Parlamento”, ha concluso il senatore Gasparri.

1 thought on “Via dal “decretone” Sanità anche la tassa sulla gazzosa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *