Ven. Lug 19th, 2019

I Confronti

Inserto di SalernoSera

Vive in Campania la maggioranza delle famiglie finite sotto usura

2 min read
Non c'è che dire: la Campania non si fa mancare niente. E allora fa incetta di primati (negativi) e incassa l'ennesimo dato preoccupante: è la Regione italiana a più alto rischio usura. Lo rilevano i dati di Krls Network of Business Ethics diffusi oggi a Capri nel corso del convegno ''Usura, Banche e Fisco in Italia''. La crisi alimenta il rischio e ha causato una crescita media dei casi in un anno, pari al 155%, in particolare in Campania con un aumento addirittura del 183%. Famiglie e piccole imprese le più' colpite dal fenomeno.
di Caterina La Bella

Non c’è che dire: la Campania non si fa mancare niente. E allora fa incetta di primati (negativi) e incassa l’ennesimo dato preoccupante: è la Regione italiana a più alto rischio usura. Lo rilevano i dati di Krls Network of Business Ethics diffusi oggi a Capri nel corso del convegno ”Usura, Banche e Fisco in Italia”. La crisi alimenta il rischio e ha causato una crescita media dei casi in un anno, pari al 155%, in particolare in Campania con un aumento addirittura del 183%. Famiglie e piccole imprese le più’ colpite dal fenomeno.
In Italia – secondo i dati diffusi da Vittorio Carlomagno, presidente di Contribuenti.it Associazione Contribuenti Italiani – sono a rischio d’usura oltre tre milioni di famiglie e più’ di 2,5 milioni di piccoli imprenditori, sospesi tra l’incudine dei mancati pagamenti e il martello dei costi da sostenere per mantenere in piedi l’attività. La Campania è maglia nera, seguita da Calabria, Liguria e, a sorpresa, Valle d’Aosta. La Sicilia e’ preceduta dalla Toscana mentre le regioni meno esposte al rischio usura risultano Basilicata, Marche e Molise che pure hanno visto crescere, in dati percentuali molto forti, il fenomeno. I dati illustrati oggi a Capri fanno il paio con quelli presentati dalla Consulta Antiusura non più’ tardi di venti giorni fa a Roma secondo cui ricorrono agli usurai soprattutto i 50/enni, con scarsa scolarità e un reddito mensile basso, in media sotto i 900 euro.
Difficoltà economiche legate all’impresa, spese mediche impressione e mancanza di liquidità per mutui e prestiti il motivi più’ ricorrenti. Secondo la Consulta il rischio potenziale riguarda 1,2 mln di famiglie fuori dai circuiti del credito legale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *