Vogliono Legalità e Giustizia i ragazzi di Salerno

Vogliono Legalità e Giustizia i ragazzi di Salerno
di Ernesto Scelza
Ernesto Scelza
Ernesto Scelza

Tanti i giovani nel Salone dei Marmi di Palazzo di Città in occasione della presentazione di un volume dell’Osservatorio sulla Legalità. “Materiali per una cultura della legalità” il titolo, non tutti di agevole lettura. Eppure i ragazzi hanno seguito con attenzione la discussione. È evidente che questa generazione avverte il bisogno di giustizia, di una vita di relazione segnata da comportamenti corretti. Di una gestione etica della politica. Di una amministrazione giudiziaria che non applichi soltanto le leggi, non rispetti soltanto e faccia rispettare il diritto, ma risponda ad una esigenza profonda di giustizia. E rivendica un controllo dal basso delle attività inquirenti e giudicanti. Dopo l’esito allarmante di processi come quello che non ha individuato alcun responsabile per la morte di Stefano Cucchi. Come quello che ha annullato la condanna al padrone dell’Eternit. Quando ancora in questi giorni hanno continuato a morire quanti hanno respirato le fibre micidiali di amianto. Quando lo stesso Procuratore generale di Cassazione ha affermato che la sentenza ha rispettato il Diritto ma mortificato la Giustizia. E così l’educazione alla legalità, lo sviluppo di una ‘cultura’ della legalità è un dovere civile e un bisogno diffuso. In una terra inquinata dai veleni e dalle mafie. Dalla corruzione di amministratori pubblici e di imprenditori senza scrupoli. Vorrà pur dire qualcosa se Giovanni Falcone e Paolo Borsellino non si negavano mai ad un incontro con gli studenti. Se questo impegno venne poi ripreso dal capo del loro ‘pool’ di Palermo, Antonino Caponnetto. Fino all’ultimo dei suoi giorni.

Ernesto Scelza

Ernesto Scelza, laureato in Filosofia e docente di Storia, è stato leader del Sessantotto e tra i fondatori del manifesto. È stato esponente della Nuova sinistra negli anni Settanta. Giornalista, è stato redattore del settimanale Dossier Sud diretto da Giò Marrazzo, videdirettore di SalernoseraRadio e SalernoseraTv, collegate a Network nazionali, ha collaborato con Michele Santoro a Raitre. Ha collaborato con Gazzetta di Salerno, diretta da Antonio Bottiglieri. Ha operato nel settore commercio con l’estero al Porto di Salerno, ha diretto il Centro Sociale di Salerno facendone un centro di attività culturali e di iniziative sociali. Eletto consigliere provinciale con il Pds e i Ds, ha retto la delega nel settore della cooperazione internazionale e dell’immigrazione. È stato presidente della Consulta provinciale degli immigrati e delle loro famiglie e responsabile dell’Ufficio Pace della Provincia. Portavoce nazionale di Assopace, membro della Presidenza del Coordinamento nazionale degli Enti locali per la pace e i diritti umani e del direttivo nazionale della Tavola della Pace, tra gli organizzatori della Marcia per la pace Perugia-Assisi. Operatore culturale, ha promosso numerose manifestazioni di approfondimento e dibattito politico-culturale. Ha organizzato i Forum internazionali sull’Iraq, l’Afghanistan, il Libano e il Medio Oriente. Ha fatto parte di numerose missioni internazionali di pace in Palestina, Libano, Iraq e nell’Africa sub sahariana. Da anni è impegnato a diffondere tra le giovani generazioni i contenuti e i valori della Costituzione italiana e i fondamenti della storia repubblicana. Ha pubblicato e curato volumi di politica e storia contemporanea e di politica internazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *