Home
Il blog de IConfronti utilizza cookie di servizio e di analisi. Continuando la navigazione accetti l’uso di tali cookie. Più informazioni.
Tu sei qui: Home » Archivio » Vozza: possibile in Campania un’alleanza alternativa a sinistra

Vozza: possibile in Campania un’alleanza alternativa a sinistra

Vozza: possibile in Campania un’alleanza alternativa a sinistra
Il candidato governatore Salvatore Vozza

Il candidato governatore Salvatore Vozza

di Valerio Iuliano

«II Pd nazionale mostra disprezzo per la Campania e perciò andremo alle elezioni con una coalizione autonoma»: il coordinatore regionale di Sel, Salvatore Vozza, da ieri sera candidato governatore, respinge al mittente l’invito dell’ex sindaco di Salerno. L’appello di De Luca per un centrosinistra unito alle prossime regionali non ha scalfito le sue convinzioni.

Vozza, con un centrosinistra senza Sel si fanno più alte le possibilità di una riconferma di Caldoro. È una responsabilità che vuole proprio assumersi?

«La fermo subito. Stiamo ripetendo ai democrat da mesi che sono su una strada completamente sbagliata. Il risultato dei loro errori è la candidatura di De Luca. Un candidato che, se pure dovesse essere eletto dai cittadini, sarà poi giudicato ineleggibile. Un’assurdità».

Allora che cosa propone Sel al Pd?

«Cambino posizione, azzerando la candidatura di De Luca. In ogni caso, non voglio neanche più discutere su queste ipotesi. Noi abbiamo già le idee molto chiare sul nostro percorso, con una proposta alternativa di governo. Cinque anni fa abbiamo sostenuto De Luca e perciò nessuno può accusarci di essere un partito minoritario. Adesso siamo convinti che non ci siano proprio le condizioni per stare nel centrosinistra».

Il risultato delle primarie non ha nessun valore per Sel?

«Non sono le primarie in discussione ma il modo in cui ci si è arrivati. Stanno giocando con i cittadini, assumendosi la responsabilità di uno stallo istituzionale. Il Pd nazionale non può trattare la Campania in questo modo. Anzi, le dico di più. La verità è che, se dovesse rivincere Caldoro, la responsabilità sarà tutta del Pd. E del disprezzo che ha per la Campania e per il Mezzogiorno».

E la proposta alternativa cui accennava prima?

«Stiamo mettendo in campo una coalizione ed un candidato presidente per vincere. Lo stiamo facendo sulla base di discussioni concrete e di documenti programmatici, già elaborati da mesi, su tutti i temi che contano, dal lavoro alle politiche sociali, fino all’ambiente».

Ne ha mai parlato con il Pd?

«Certo. Hanno letto tutte le nostre proposte. Dal canto loro, invece, non è arrivato proprio nulla».

(da www.sinistraemezzogiorno.it)

Informazioni sull'Autore

Numero di voci : 3446

Lascia un Commento

© 2012 iConfronti-inserto di Salernosera (Aut. n. 26 del 28/11/2011). Direttore: Andrea Manzi. Contatti: info@iconfronti.it

Scroll in alto