Sab. Lug 20th, 2019

I Confronti

Inserto di SalernoSera

Welfare, appello a Caldoro di Anci e comitato “Il welfare non è un lusso”

2 min read
Registriamo in questa rubrica le voci e le attività dei nostri contatti senza alcuna mediazione, verificando soltanto la veridicità delle informazioni trasmesseci. Qualche nostro eventuale intervento avrà il solo scopo di garantire una maggiore chiarezza del messaggio.

[divide style=”3″]
ANCI CAMPANIA(1)Tagli all’assistenza per disabili, bambini e persone in stato di disagio: sono questi i temi sui quali da mesi l’associazione regionale dei comuni e il comitato “Il welfare non è un lusso” chiedono alla Regione un incontro al fine di mettere attorno a un tavolo sindaci, rappresentanti di Giunta e coordinatori degli Uffici di Piano per stabilire insieme le misure da adottare con urgenza per sostenere il settore.
“Abbiamo inviato una prima richiesta a fine dicembre 2012 e non avendo ricevuto riscontro l’abbiamo reinviata lo scorso 5 febbraio. Finora nessuna risposta. Noi sappiamo – spiega il portavoce del comitato “Il welfare non è un lusso”, Pasquale Calemme – che la Campania sta attraversando un periodo di crisi durissima e che nel 2012 il Governo nazionale ha tagliato i fondi destinati al settore prevedendo per la nostra regione quasi 120 milioni di euro in meno. Tuttavia la situazione è stata resa ancora più difficile dalla scelta della giunta regionale di effettuare tagli ulteriori e di destinare ad altri scopi anche quei fondi che inizialmente erano stati riservati al welfare, come accaduto ad esempio per le risorse raccolte grazie all’aumento del 10% dell’imposta di bollo sull’auto. Ecco perché chiediamo al più presto un confronto con l’assessore all’Assistenza Ermanno Russo e gli altri rappresentanti del governo regionale”.
“A subire questa situazione – afferma il direttore di Anci Campania, Pasquale Granata – sono soprattutto le amministrazioni locali, i Comuni, che, trovandosi in una situazione finanziaria già di per sé drammatica, a causa di questi ulteriori tagli stanno facendo sforzi enormi per non negare ai propri cittadini i servizi di assistenza sociale. E’ vero, la situazione è difficile ma per contrastare le nuove forme di povertà e garantire a tutti i livelli essenziali di assistenza occorrono scelte forti e coraggiose. Per questo reiteriamo all’assessore Russo e al presidente della giunta regionale, Stefano Caldoro, la richiesta di un incontro urgente sul tema”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *